articolo-e-foto-tricology-team1

Si è messo in moto a Vaasa il tricology team

Dalla testata giornalistica del mensile finlandese PINNI del 15.05.97Il Tricology team finlandese nella prima riunione, in cui  erano presenti parrucchieri barbiere e fondatori:  Pàivi Myllymàki, Pirkko Papinniemi, Saija Rajamàki,  Kirsi Vaitovaara del salone Zaragoza da Seinäjoki, la parrucchiera Liisa Tanska da Kalajoki,  l’importatrice Tuula Mäntylä, ed il tricologo dott. Sebastiano Zappalà ed il primo logo del team dato a Pirkko Papinniemi.

La ditta Vitalia di Vaasa che importa microcamere e prodotti Tricologici ha realizzato insieme ad un gruppo di parrucchieri un Team, grazie al quale si riuniscono tanti parrucchieri insieme per discutere e confrontarsi sui diversi problemi che hanno i loro clienti per riuscire a risolverli al meglio.  Scrive la giornalista: questo nuovo metodo di tricologia arriva dall’Italia, con l’importazione nei primi del 1995 di nuovi macchinari. Con i nuovi macchinari tricologici si può vedere meglio il cuoio capelluto e capire meglio il problema, perché tutti i problemi del cuoio capelluto non sono stati presi in seria considerazione in medicina, non rappresentando un pericolo mortale. Tante volte il cliente per mancanza di alternative ha dovuto usare antibiotici e cortisoni e poi smettendo queste cure i problemi sono ritornati. Ci sono stati tanti clienti che piangendo hanno detto che non potevano pensare che poteva arrivare un giorno di questo, che in poche settimane si risolveva il problema. Pirkko Papinniemi dice che la sua vita è cambiata perché in pochissimo tempo con il dott. Zappalà ha imparato più cose che in di 40 anni di carriera,  poi aggiunge tante volte noi piccoli imprenditori abbiamo il timore di affidarci alle novità ma questo è il meglio che potevo avere. Con il tricology Team, vorremmo dare alla gente le giuste informazione per non credere alle tante fesserie che girano intorno ai capelli.
Condividi:
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *